Reach Up on Facebook Reach Up on LinkedinReach Up on InstagramReachReach

+393756039875 

Servizi con uso di metodi alternativi (NTMs)

REACH UP può offrire anche reports di valutazioni tossicologiche e di destino ambientale su molecole, precursori o residui, mediante l’uso di Metodi di Non Testing (NTMs). Il termine NTMs include approcci multipli che possono essere integrati e che si basano su operazioni computazionali. 

I nostri servizi con NTMs si avvalgono dell'uso di:

-relazioni quantitative struttura-attività (QSARs): (Quantitative Structure-Activity Relationship) è un modello matematico che correla una misura quantitativa di una struttura chimica e una proprietà fisica o un effetto biologico (es. proprietà tossicologiche). Questa relazione può essere utilizzata per predire il comportamento di altre molecole in quanto la struttura molecolare è responsabile dell’attività. Composti simili hanno proprietà chimico-fisiche/biologiche simili (Meyer, 1899).

- grouping e read-across (RA):  Il read-across permette di colmare un gap di dati per una sostanza, utilizzando dati “surrogati” di un’altra con struttura affine. Il grouping invece è un approccio più ampio rispetto al read-across, ma sfrutta lo stesso principio dell’indice di similarità. Dati sperimentali su famiglie di sostanze con strutture simili possono permettere di effettuare valutazioni su una sostanza target senza dati, tramite la costruzione di una matrice.

- peso dell’evidenza (woe):  Questo approccio si basa sul giudizio di un esperto in merito alla qualità e alla affidabilità di informazioni raccolte da fonti indipendenti per raggiungere una conclusione relativa a una specifica proprietà o comportamento di una sostanza. Ciascuna informazione raccolta è “pesata” e utilizzata opportunamente per supportare il processo decisionale.

Tutti questi approcci, singolarmente o integrati in sistemi esperti, forniscono risultati in tempi brevi e a costi ridotti rispetto alle usuali strategie sperimentali, inoltre riducono significativamente l’uso di cavie.

La sperimentazione in silico è ormai estremamente diffusa in svariati settori, a partire dalla ricerca fino alle industrie. Nel farmaceutico si usano per valutare le molecole su cui focalizzare i maggiori sforzi, per i cosmetici rivestono un ruolo fondamentale per l’ottenimento dell’autorizzazione al commercio da quando le direttive europee hanno vietato i test su animali. Gli enti regolatori li utilizzano al fine di valutare la sicurezza delle sostanze che vengono immesse sul mercato e per prioritizzare le molecole con alto potenziale di pericolo.

Il Regolamento REACH permette l’uso di metodi di non testing, poiché prima di effettuare un test sugli animali l’industria deve sempre verificare l’esistenza di un metodo alternativo. Ufficialmente, le Autorità promuovono l’uso di metodi alternativi a scopi regolatori; ad esempio ECHA consiglia l’uso delle (Q)SARs nella Guida Pratica n.5 e nel Capitolo R.6 della Guida alle informazioni richieste e alla valutazione sulla sicurezza chimica.

 

Siamo disponibili a rispondere a esigenze specifiche dei i nostri clienti, offrendo le migliori risposte ai loro quesiti e richieste.